\

“Corruzione: pure oggi a Roma 10 arresti in inchiesta appalti; c’è un ex Sottosegretario”.

Cento perquisizioni in 11 Regioni. Tra le ipotesi di reato anche il voto di scambio.
L’esponente politico coinvolto è Luigi Meduri, componente del Governo Prodi dal 2006 al 2008

Funzionari dell’Anas, imprenditori, anche un ex Sottosegretario alle Infrastrutture.
La Guardia di Finanza sta eseguendo 10 ordinanze di custodia cautelare su ordine del Tribunale di Roma.
A chiedere gli arresti la Procura dopo l’inchiesta “Dama nera”, che riguarda appalti di opere pubbliche.
I Finanzieri stanno anche effettuando circa 100 perquisizioni in 11 Regioni.
Le ipotesi di reato, secondo quanto emerso finora, vanno dalla corruzione al voto di scambio.
I dettagli dell’operazione saranno resi noti nel corso di una conferenza stampa con il procuratore di Roma Giuseppe Pignatone ed il Comandante Provinciale della Gdf Giuseppe Magliocco.

L’esponente politico coinvolto è Luigi Meduri, che fu Sottosegretario per due anni, nel secondo Governo Prodi, dal 2006 al 2008, in quota Margherita, con Ministro Antonio Di Pietro.
Dal Gennaio 1999 all’Aprile 2000, Meduri, reggino, aveva ricoperto anche la carica di Presidente della Regione Calabria.
Meduri è stato Deputato dal 2001 al 2006.
Ma anche dopo la sua uscita dal Parlamento continuava a frequentare a distanza di anni praticamente ogni giorno il Transatlantico di Montecitorio.
Fu tra gli ex Popolari, che, alle Primarie del 2009, sostennero la candidatura a Segretario del PD di Pierluigi Bersani ed a quelle del 2013 appoggiarono Gianni Cuperlo.

Meno di un mese fa, in Toscana erano finiti ai domiciliari i vertici di tutta l’Anas in un’altra inchiesta per corruzione, con 24 indagati: la Magistratura in quel caso aveva parlato di un “collaudato sistema di corruzione“.

NOTE
[1] “Il Fatto Quotidiano“, “Corruzione, a Roma 10 arresti in inchiesta appalti: c’è un ex Sottosegretario”.

Mi piace(1)Non mi piace(0)

Riguardo ai commenti, il curatore del sito chiarisce che:
- di norma non replicherà, poiché preferisce che si sviluppi un libero dibattito tra i lettori;
- pubblicherà anche commenti contenenti "parolacce", pur non condividendone l'uso (come testimoniano i testi presenti nel sito).

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>