\

L’importanza di lottare con i Curdi – Anche a Roma in piazza per il Kurdistan

12132406_542278002592407_6432721154187786118_o
Il corteo “Roma per il Kurdistan” arriva dopo un anno in cui anche da Roma abbiamo provato a tessere relazioni continuative con la resistenza curda e con la rivoluzione del Rojava oltre ai singoli momenti di piazza: attraverso le staffette sanitarie, le carovane internazionali, le missioni di osservatori elettorali, un lavoro continuo di informazione indipendente, eventi a sostegno di singoli progetti. Durante questo anno in Turchia e in Siria sono cambiate moltissime cose, che è importante analizzare per capire a pieno l’importanza di questo corteo. Articolo completo

31/10: Roma in piazza per il Kurdistan ✌

Appello alla mobilitazione per la pace e la democrazia in Siria e Turchia. A Roma in piazza sabato 31 ottobre, alle 15, da piazzale Esquilino.

In queste ore in Siria come in Turchia la lotta per la Pace e per la Democrazia si confronta con una sfida ancora una volta decisiva per il futuro di tutto il Medio Oriente e dell’Europa stessa: da più di un anno le forze YPJ e YPG resistono per la liberazione del Rojava e della Siria dalle forze dello Stato Islamico mentre la città liberata di Kobane combatte la sua battaglia per la ricostruzione dopo aver pagato il prezzo più alto.

Nel frattempo la battaglia condotta in Turchia dall’HDP – il Partito Democratico dei Popoli – si scontra con la terribile campagna repressiva condotta dal governo Erdogan contro il popolo curdo e le istanze di democratizzazione dell’intera nazione.

Dopo l’attentato dello scorso 20 Luglio nella cittadina di Suruç che ha causato la morte di trentatre giovani dell’associazione socialista SGDF in procinto di consegnare a Kobane un carico di aiuti, un nuovo sanguinoso attentato ad Ankara nel corso di una manifestazione per la pace organizzata da diverse organizzazioni dell’opposizione al governo in carica ha visto la morte di 128 persone e centinaia di feriti.Una chiara strategia della tensione colpisce la Turchia in queste ore, una strategia che cammina sulle stragi di centinaia di vite umane come nell’attacco militare contro i civili di decine di municipalità curde e nell’arresto preventivo di migliaia di giornalisti e oppositori.

Il prossimo 1 novembre i cittadini turchi dovranno tornare alle urne a distanza di pochi mesi dalle ultime elezioni che lo scorso 7 Giugno hanno cambiato il futuro della Turchia mettendo in crisi il governo assoluto del partito governativo AKP, il rischio di brogli elettorali come di ulteriori attacchi che portino il paese alla guerra civile è altissimo.

Ancora una volta le piazze di tutto il mondo dovranno prendere parola per la Pace, dovranno dimostrare solidarietà alla lotta che in Rojava e in Turchia reclama Democrazia e lo fa a costo della vita.

Invitiamo perciò a manifestare in tutta Italia il prossimo 31 Ottobre in solidarietà con le mobilitazioni che in tutto il mondo scenderanno in piazzanel nome di Kobane e dell’Umanità.

31 ottobre ore 15 piazza dell’Esquilino

✌ Pace e Democrazia in Turchia e in Siria ✌
✌ Êdî Bese! Basta Massacri di Stato ✌
✌ Corridoio Umanitario per Kobane ✌

UIKI Onlus, Rete italiana di solidarieta’ con il popolo kurdo
(per le adesioni info, info)

 

Mi piace(3)Non mi piace(0)

Riguardo ai commenti, il curatore del sito chiarisce che:
- di norma non replicherà, poiché preferisce che si sviluppi un libero dibattito tra i lettori;
- pubblicherà anche commenti contenenti "parolacce", pur non condividendone l'uso (come testimoniano i testi presenti nel sito).

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>