Dice il Sole24Ore che la “Corte dei Conti boccia la gestione dell’8 per mille: è poco trasparente”

OttoPerMille-UAAR
La Corte dei Conti boccia la gestione dell’8 per mille. L’elenco delle criticità messe nero su bianco dalla magistratura contabile è lungo: si va dallo scarso e opaco equilibrio del meccanismo fino alla poca trasparenza sulla destinazione dei contributi destinati alle confessioni religiose, passati da 209 milioni, nel 1990, ad oltre 1,1 miliardi, nel 2014. Nel mirino della relazione della Corte dei Conti anche lo «scarso interesse» dello Stato per la quota di propria competenza, «essendo l’unico competitore che non sensibilizza l’opinione pubblica sulle proprie attività e che non promuove i propri progetti».

Il contributo dell’8 per mille – ricordano magistrati – è obbligatorio per tutti, a prescindere dall’intenzione manifestata; tuttavia, «l’allocazione di questa quota del gettito Irpef è determinata da una sola parte dei contribuenti, gli optanti. Infatti, il meccanismo neutralizza la non scelta». In tal modo, «ognuno è coinvolto, indipendentemente dalla propria volontà, nel finanziamento delle confessioni, con evidente vantaggio per le stesse, dal momento che i soli optanti decidono per tutti; con l’ulteriore conseguenza che il peso effettivo di una singola scelta è inversamente proporzionale al numero di quanti si esprimono».

«Scarsa» viene giudicata dalla Corte dei Conti anche la pubblicità dell’ammontare delle risorse erogate ai beneficiari. A fronte di un «rilevante ricorso» delle confessioni religiose alle campagne pubblicitarie è evidente, a giudizio della magistratura contabile, il «rischio di discriminazione» nei confronti di confessioni non firmatarie di accordi.

Altro capitolo spinoso è «l’assenza di controlli indipendenti sulla gestione dei fondi» e «la carenza di controlli sugli intermediari delle dichiarazioni dei redditi». Inoltre, le somme disponibili «vengono talvolta destinate a finalità diverse, anche antitetiche alla volontà dei contribuenti», rileva la Corte.

La magistratura contabile, infine, sollecita «approfondimenti sulla attività intrapresa dall’Agenzia delle Entrate per il monitoraggio sugli intermediari» ma dà atto del «miglioramento nella divulgazione dei dati da parte delle amministrazioni coinvolte e constata un ulteriore rallentamento nell’attribuzione delle risorse di competenza statale».

Fonte: http://www.ilsole24ore.com/art/norme-e-tributi/2015-11-02/la-corte-conti-boccia-gestione-dell-8-mille-e-poco-trasparente–154946.shtml?uuid=ACdkIwRB#comments

Mi piace(4)Non mi piace(0)

La Chiesa fa la beneficenza: a se stessa

8 per mille
1) Dopo decenni di documentate critiche da parte dell’UAAR, (Unione Atei, Agnostici Razionalisti), nonché di numerose Associazioni laiche, ieri, finalmente, abbiamo avuto il piacere di leggere:
“LA CORTE DEI CONTI PER LA PRIMA VOLTA CONTRO LE DONAZIONI DALLE DICHIARAZIONI DEI REDDITI” [1].
Che il denaro concesso, mediante il meccanismo dell’8 per mille, alla Chiesa cattolica ed alle altre religioni sia troppo, è dimostrato dalla Corte con un istruttivo raffronto:
“L’onere finanziario … si comprende dalla comparazione con quanto assegnato al Ministero dei Beni culturali e del Turismo, che, per il 2013, non ha raggiunto il miliardo e 700 milioni.
Ciò significa che, negli ultimi anni, la contribuzione alle confessioni religiose ha superato i due terzi delle risorse destinate per la conservazione del patrimonio artistico del Paese”[2]. Continua

Mi piace(2)Non mi piace(1)