Intercettazioni, paladini di ieri e censori di oggi. Da Serracchiani ad Orlando: gli specialisti della giravolta sul bavaglio.Così i politici cambiano opinione a seconda che al telefono ci siano gli amici od i nemici.

12042971_957359147636009_4129637704867225902_n
12034201_764088410369892_404294129041309682_o

La Vicepresidente del PD ed il Guardasigilli, ma anche Bindi, Speranza e tanti altri: erano pronti ad immolarsi, (a parole), per difendere la libertà di informazione “anche a scapito della privacy”. Quando a volere il bavaglio era solo Berlusconi.
Ma dopo una stagione di intercettazioni, che imbarazzano i Dem, promuovono e difendono la stretta che realizza i sogni di Arcore.
Così i politici cambiano opinione a seconda che al telefono ci siano gli amici od i nemici. Continua

Mi piace(2)Non mi piace(0)

La Turchia applica una selettiva censura contro siti ‘blasfemi’ e laici ma quelli jihadisti continuano ad essere visibili

Dalla pagina Facebook dell’Uaar:

La Turchia applica una selettiva censura contro siti ‘blasfemi’ e laici ma quelli jihadisti continuano ad essere visibili. Segno delle priorità del governo turco, che ormai sta favorendo il ritorno del conservatorismo islamista nel paese.

(Di Francesco Cerri) (ANSAmed) – ANKARA, 24 MAR – La scure della Turchia del presidente islamico Recep Tayyip Erdogan si abbatte con sempre maggiore severità sui siti atei o ‘blasfemi’, come quello di Charlie Hebdo, oscurato, mentre continuano a operare nel paese della Mezzaluna quelli che propagano la Jihad e l’Isis.

La denuncia dell’opposizione turca è ora documentata anche dal New York Times. Fra le migliaia di siti bloccati dalle autorità turche figurano oltre a quello della rivista satirica francese per le vignette ‘blasfeme’ su Maometto quello dell’ Associazion Atea turca, siti armeni e curdi. I siti di propaganda dell’Isis “sfuggono ai censori turchi”. Erdogan è stato più volte accusato di avere aiutato in Siria i gruppi armati di Isis e Al Qaida, con l’ossessione di fare cadere l’alevita Bashar al Assad e sostituirlo con un governo sunnita dei Fratelli Musulmani. Nelle ultime settimane, sotto pressione Usa Ankara ha annunciato controlli più severi ai confini con la Siria e negli aeroporti, per frenare le ‘autostrade della jihad’.

Continua

Mi piace(2)Non mi piace(0)

“Francesco il manesco”, Sonetto di Eraldo Giulianelli

Papagno
Cari amici,

non vi sarà sfuggita l’ultima esternazione di papa Francesco a proposito della satira irrispettosa della religione.
Lui reagisce a cazzotti e botte varie.
In realtà , nei segreti conciliaboli tra le mura vaticane, lui ha definito nei particolari quali sono le manesche reazioni in rapporto al tipo di offesa .
Noi siamo riusciti a carpire un colloquio con il Camerlengo e ci permettiamo di mettervi al corrente ma, mi raccomando, tenete per voi stessi il segreto.
Non vorrei essere la prima vittima delle sue lunghe e poderose mani da gesuita!
Un abbraccio,
                         Eraldo
Francesco il manesco

Confida il Santo Padre al Camerlengo:
“Se sento un miscredente che mi sfotte
la replica cristiana non trattengo:
per ogni offesa le opportune botte!

Se un ateo dice con risata ardita:
“Mosè su quel roseto sempre ardente
faceva ribollir la ribollita!”
gli spacco per lo meno qualche dente!

E se qualcuno ardisce: “ Mi scompiscio
con il Mosè a dividere il Mar Rosso”
gli calo un bel fendente, un po’ di striscio,
e gli fratturo almeno qualche osso!

Se poi sghignazza: “È cosa ben sicura
se giro attorno e suono la trombetta
di Gerico rifò crollar le mura!”
un calcio in culo è quello che gli spetta!

Se uno gioca al lotto il Padreterno
che affoga col diluvio il mondo intero:
il quattro, il nove, il trenta e azzecca un terno
con un cazzotto gli fò un occhio nero!

Se uno azzarda: “ Eva fu sbadata:
mangiò la mela e si beccò la carie!”
con una poderosa ginocchiata
gli scasso, per un po’, le vie urinarie!

Se un ateo dice: “ Ma tu guarda quello
è un maschio ma si veste come donna
è ricco sfondo ma fa il poverello”

di colpo io sollevo la mia gonna
e con la gran pedata sull’uccello
gli fò veder, ti giuro, la Madonna !”.

 

Mi piace(2)Non mi piace(0)