IL 14/11/’14 SCIOPERA E MANIFESTA CONTRO IL NEOLIBERISMO ED IL GOVERNO DEI PADRONI

manifesto
14 NOVEMBRE, CORTEO ORE 9 CANCELLI AST -VIALE BRIN-TERNI
CONTRO IL GOVERNO RENZI, LA PRECARIZZAZIONE DELLE VITE, L’ATTACCO AI DIRITTI ED AI SALARI, LA LEGGE DI STABILITA’, LO “SFASCIA” ITALIA, LE POLITICHE UE, LE SCUOLE AZIENDE, I LICENZIAMENTI

Scioperiamo e manifestiamo contro le distruttive politiche di austerità della UE e del Governo Renzi, contro il Jobs Act e l’abolizione dell’art.18, la precarietà permanente e le privatizzazioni, la legge di Stabilità ed il Fiscal Compact, il blocco dei contratti nel Pubblico Impiego, il licenziamento dei lavoratori.
Chiediamo un reddito di esistenza, significativi investimenti nella Scuola, nei servizi pubblici fondamentali (Sanità, Trasporti ecc.), nella tutela del territorio e dell’ambiente e nei beni comuni, nel diritto alla casa; aumenti di salari e pensioni per recuperare almeno quanto perso con la crisi, l’abolizione della Legge Fornero e pensioni adeguate per tutti/e.
Respingiamo il miserabile ricatto del Governo Renzi che, mentre promette fantomatici nuovi diritti a chi non ne ha, vuole levare quei pochi rimasti ai/alle lavoratori/trici, aizzando una competizione spietata tra giovani e meno giovani, tra “stabili” e precari, vendendo fumo in perfetto stile berlusconiano per nascondere il fallimento delle politiche di austerità – che invece di diminuire il debito pubblico lo hanno aumentato – e di precarietà/flessibilità estrema del lavoro, che, lungi dal ridurre la disoccupazione, la stanno portando a livelli record.
Per la Scuola, rifiutiamo il Piano Renzi , i presidi-Marchionne con il potere di assumere e licenziare, l’ingresso delle imprese negli istituti scolastici, i grotteschi quiz Invalsi.

Mi piace(2)Non mi piace(0)

TERNI IN SCIOPERO: PADRONI E GOVERNO, IN ESUBERO SIETE VOI!

OCCUPY TERNI
Oggi, Terni scende in piazza per difendere il suo futuro.

L’attacco è frontale ed è portato, con la sola logica del profitto, da padroni che vogliono chiudere  l’Acciaieria licenziando gli operai.
Ma questi padroni sono aiutati dalla Troika dell’Unione europea e dal
Governo Renzi, che rappresenta gli interessi del padronato nell’attacco ai lavoratori, all’ambiente, alla salute, ai beni comuni. Continua

Mi piace(1)Non mi piace(0)