Il medico si rifiuta di prescrivervi la pillola del giorno dopo? Ecco cosa fare.

pillola giorno dopo - 21 febbraio 2013
La pillola del giorno dopo

Questo piccolo articolo ha come scopo quello di analizzare, con qualche riferimento normativo, la situazione del paziente che si vede rifiutata la prescrizione (ahimé ancora necessaria) della pillola del giorno dopo.

Capita … la coppia rompe il preservativo, corsa al primo ospedale/ambulatorio aperto ed una richiesta, agli occhi di una qualsiasi persona normale totalmente legittima:
Mi scusi, avrei bisogno della pillola del giorno dopo”.

Ma qui arrivano i problemi: sempre più spesso (recentissimo il servizio-inchiesta delle Iene: a Roma, per avere la pillola del giorno dopo, la coppia ci ha messo “appena” 36 ore, girando per due giorni nella Capitale) la risposta è negativa:
“Sono obiettore, e non ci sono medici che la prescrivono”.

Innanzitutto, mi pare doveroso chiarire questo istituto – l’obiezione di coscienza, appunto – nel particolare settore da noi preso in considerazione.
L’obiezione di coscienza è permessa dall’art. 9 dalla legge 194 del 1978: Continua

Mi piace(3)Non mi piace(0)

Qualcuno ha mai sentito parlare dell’informazione e dell’educazione sessuale nelle scuole?

contraccezione_vignetta-300x252
Comunicato dell’associazione Aduc

In occasione del congresso della Sigo (Societa’ italiana di ginecologia e ostetricia) sono stati diffusi i dati sulla contraccezione femminile ormonale e, per l’ennesima volta, appaiono molto limitati: solo il 16% delle donne si ritiene ben informato in materia.
Siccome il contraltare all’informazione sulla contraccezione é spesso l’aborto (legale e clandestino), la questione non é di poco conto, sia per la salute della donna che per i costi della sanita’ pubblica … lì dove medici non-obiettori impediscono che un semplice intervento non si trasformi in un dramma umano e sanitario.
Ma perché ci dobbiamo sempre ritrovare con questi numeri percentuali? Continua

Mi piace(0)Non mi piace(0)