Legge di Stabilità: ricomincia la farsa, funzionale a Renzi, della minoranza Dem

Di “manovra che non è una misura universale di contrasto alla povertà, ma un regalino al pezzo più ricco della popolazione” ha parlato Roberto Speranza, riferendosi all’abolizione della tassa su tutte le prime case, comprese il deposito di Paperon de’ Paperoni ed il castello del Principe Azzurro.
A proposito dell’aumento del tetto ai contanti da 1000 a 3000 euro si è, invece, spazientito Pierluigi Bersani:
“Uno che ha 3mila euro, per fare un acquisto ha sicuramente la carta di credito in tasca.
È che non vuole usarla”; ed ha aggiunto:
“Renzi dovrebbe usare argomenti che, almeno, non insultino l’intelligenza degli Italiani”.
E ancora Gianni Cuperlo, dando un giudizio complessivo sull’intera Legge di Stabilità:
“Poco ambiziosa, poco innovativa. Serve maggiore equità”. Continua

Mi piace(2)Non mi piace(0)

Tasse prima casa, quanto risparmiano i Ministri. Ecco come abolizione di Tasi ed Imu premia i ricchi.

Tasse prima casa: è festa tra i Ministri del governo Renzi proprietari di immobili [1].

Da Giancarlo Padoan ad Angelino Alfano, ma anche Madia, Pinotti, Franceschini, Lorenzin e Martina: sono molti i membri dell’Esecutivo, che risparmieranno grazie all’abolizione della Tasi.
Nessun conflitto d’interesse, ma una dimostrazione degli effetti reali del provvedimento.

Alla fine, Matteo Renzi ha realizzato il sogno di Renato Brunetta.
L’ex Ministro berlusconiano ha sempre sofferto molto, quando arrivava il momento di mettere mano al portafogli, per pagare la vecchia Imu e poi la Tasi.
Dal prossimo anno, almeno, riuscirà a evitare l’imposta sulla sua villa romana in zona Ardeatina, grazie a Matteo Renzi. Continua

Mi piace(3)Non mi piace(0)

La letterina di Bruxelles a Renzi: un antipasto, tanto per cominciare …

index Renzi e Padoan
Dunque, come avevamo previsto, all’Europa le argomentazioni renzian-padoane non sono bastate.
“Le regole vanno rispettate”, è questo il concetto ripetuto a chiare lettere nella missiva inviata dal commissario Katainen al Governo di Roma. Missiva che doveva rimanere riservata e che, invece, è stata pubblicata sul sito del Ministero dell’Economia, suscitando le ire di Barroso e dei suoi.

In base alle procedure europee – lo ricordiamo soprattutto a coloro che ancora fingono di non capire cosa significhi aver ceduto quote decisive di “sovranità” agli eurocrati di Bruxelles – la Commissione ha tempo fino al 29 Ottobre, per esprimere un parere compiuto sulla Legge di Stabilità, alias finanziaria.
Nel frattempo, entro il 22, gli stessi Commissari avevano la possibilità di chiedere chiarimenti al Governo.
E così hanno fatto. Continua

Mi piace(1)Non mi piace(0)