GIULIANI CARLO, SOVVERSIVO, GIUSTIZIATO DALLO STATO IL 20 DI LUGLIO 2001 A GENOVA

unnamed Carlo

Comunicato:
“20.7.2001/20.7.2014: Carlo è vivo e lotta insieme a noi, le nostre idee non moriranno mai …
” Carlo fino all’ultimo è rimasto davanti,
fino a scagliare un estintore : ci ha insegnato
a vedere cos’è un essere umano”
Carlo Giuliani, 23 anni, quella mattina aveva in programma di andarsene in spiaggia, ma il clima, che si respirava in città, gli fece cambiare idea e partecipare al corteo.
“E ora nella dignità mi specchio, nella dignità del fratello che era insieme a noi nel mucchio,
lui ha lottato, quando ha avuto l’ occasione non ha voltato gli occhi ,
questa é la lezione da insegnare nelle scuole, nei racconti di quel giorno :
io porto con me il nome di Carlo Giuliani,
noi facciamo la storia mentre quelli fanno i piani”.
La famiglia di Carlo e tutte le vittime dei pestaggi di Genova cercano ancora di avere giustizia a oltre dieci anni di distanza.
Mentre gli sbirri, responsabili di  tutto ciò che è accaduto a Genova in quei giorni, se la cavano con condanne fasulle e continue promozioni.
” … e non spegni il sole se gli spari addosso, non spegni il sole se gli spari addosso!”.” Continua

Mi piace(1)Non mi piace(0)

STRAGE DI BRESCIA 28 MAGGIO 1974

28 Maggio 1974: La Strage di Brescia

28 Maggio 2014: Corteo antagonista in Piazza della Loggia
unnamed

Nessuna memoria condivisa e nessuna ricorrenza!
Corteo antagonista, antifascista e di movimento questa mattina a Brescia nel 40° anniversario della strage fascista, di Stato e della Nato di Piazza della  Loggia.

Partito da Piazzza Garibaldi,  dopo un breve percorso è entrato in Piazza della Loggia attorno alle 10, poco prima degli 8 rintocchi, che hanno ricordato alle 10.12   l’ora in cui quarant’anni fa scoppiò la bomba.

Due gli striscioni che riassumono anche le parole d’ordine di questa giornata: in testa al corteo quello del “Kollettivo studenti in lotta”,  che recita:
“28 maggio 1974 – 28 maggio 2014, Nessuna memoria condivisa ora e sempre resistenza”;
un secondo, firmato da “Magazzini 47″ e dal “Cua”, recita invece:
“Nella memoria l’esempio, nella lotta la pratica le aree e i territori resistenti per casa reddito salute e dignità”.
Presente con uno spezzone anche l’ “Associazione diritti per tutti” con le famiglie sotto sfratto.

Comunicato del “Csa Magazzino 47″ di Brescia sul 40° della Strage di Brescia: Continua

Mi piace(0)Non mi piace(0)