Spese Renzi, l’ascesa del Premier: prime le pizze a Firenze, poi all’Hotel Raphael di Roma con Luca Lotti.

Il Presidente del Consiglio non ha dato nessuna risposta alle richieste di spiegazioni sui rimborsi fatte da Sel e Movimento 5 Stelle.
I fatti contestati riguardano il 2007 e sono stati tutti rendicontati grazie al lavoro della Corte di Conti e della Procura di Firenze.
Ma Online non c’è nessuna traccia.

Dalla pizzeria “Far West” di Pontassieve all’Hotel Raphael di Roma.
Dalle pizze mangiate a cento metri dalla casa, dove vive con moglie e figli, all’albergo simbolo di Tangentopoli: Bettino Craxi qui soggiornava nella Capitale e qui venne bersagliato con le monetine. Continua

Mi piace(3)Non mi piace(0)

Tasse prima casa, quanto risparmiano i Ministri. Ecco come abolizione di Tasi ed Imu premia i ricchi.

Tasse prima casa: è festa tra i Ministri del governo Renzi proprietari di immobili [1].

Da Giancarlo Padoan ad Angelino Alfano, ma anche Madia, Pinotti, Franceschini, Lorenzin e Martina: sono molti i membri dell’Esecutivo, che risparmieranno grazie all’abolizione della Tasi.
Nessun conflitto d’interesse, ma una dimostrazione degli effetti reali del provvedimento.

Alla fine, Matteo Renzi ha realizzato il sogno di Renato Brunetta.
L’ex Ministro berlusconiano ha sempre sofferto molto, quando arrivava il momento di mettere mano al portafogli, per pagare la vecchia Imu e poi la Tasi.
Dal prossimo anno, almeno, riuscirà a evitare l’imposta sulla sua villa romana in zona Ardeatina, grazie a Matteo Renzi. Continua

Mi piace(3)Non mi piace(0)

Cortei studenteschi: in 90 città migliaia di ragazzi sfilano contro la Buona Scuola. Tutti gufi?

Circa 60mila manifestanti hanno protestato contro la riforma del governo Renzi, ma anche contro le politiche dell’Unione Europea e la gestione dell’emergenza immigrazione:
“Vogliamo poter scegliere il nostro futuro, poter vivere una vita dignitosa”.

Una giornata di proteste e manifestazioni contro la “Buona Scuola” di Matteo Renzi: la prima di un’intera settimana di mobilitazione, che culminerà il 17 Ottobre, giornata mondiale contro la povertà. Continua

Mi piace(2)Non mi piace(0)

L’informazione al “tempo del colera”: quello dei nostri giorni, … che neppure Berlusconi …

“Assistiamo al sostanziale appiattimento della quasi totalità dell’informazione al premier, che gode di un credito da parte dell’informazione (oltre che dei poteri forti da Marchionne alla Confindustria) che non si è mai visto prima.
Manco Berlusconi che aveva contro una fetta dei quotidiani nazionali, penso alle domande di Davanzo, e alcuni programmi televisivi.
L’attuale premier no.
Stiamo vivendo un mix esplosivo maledetto tra il marketing renziano, la strategia comunicativa renziana ed il racconto che ne fanno stampa e televisione, che rende praticamente impossibile agli Italiani essere informati correttamente” Luisella Costamagna. Continua

Mi piace(1)Non mi piace(0)

La resa della “Sinistra PD”: è liquidazione definitiva a prezzi stracciati

Con il voto sulla riforma costituzionale, la “Sinistra” PD si è definitivamente arresa a Renzi.
Poco importa che il fiorentino abbia concesso qualcosa, (peraltro irrilevante ai fini dei nuovi equilibri istituzionali), anche se avesse concesso la piena elettività di tutto il nuovo Senato, non cambierebbe nulla dal punto di vista politico perché quello che conta è che:

a- Renzi ha dimostrato di aver avuto la forza di fare la più radicale riforma costituzionale dal 1948 in poi e che si tratti di una riforma peggiorativa non ha peso; Continua

Mi piace(1)Non mi piace(0)

Gli #impuniti: la riforma del Senato spiegata in due minuti

“Anziché preoccuparsi degli Italiani, da mesi il Governo insieme a Verdini (uomo plurindagato e rinviato a giudizio per reati come concorso in corruzione, truffa, bancarotta fraudolenta, appalti e finanziamenti illeciti, ecc.) è alle prese con la riforma costituzionale.
Tra i padri costituenti che la scrissero ci sono Pertini, Togliatti, Nenni, Croce, Parri, Calamandrei, Iotti.
Oggi, invece, chi sta riscrivendo la nostra Costituzione sono Renzi e la Boschi con i voti determinanti di Verdini, Azzollini, Formigoni, Bilardi, Conti, Scavoni, Caridi, Aiello, Gentile.
Tutti o condannati, o indagati, o coinvolti in inchieste per reati come corruzione, associazione a delinquere, voto di scambio politico, frodi, finanziamenti illeciti, ecc. . Continua

Mi piace(1)Non mi piace(0)

Intercettazioni, paladini di ieri e censori di oggi. Da Serracchiani ad Orlando: gli specialisti della giravolta sul bavaglio.Così i politici cambiano opinione a seconda che al telefono ci siano gli amici od i nemici.

12042971_957359147636009_4129637704867225902_n
12034201_764088410369892_404294129041309682_o

La Vicepresidente del PD ed il Guardasigilli, ma anche Bindi, Speranza e tanti altri: erano pronti ad immolarsi, (a parole), per difendere la libertà di informazione “anche a scapito della privacy”. Quando a volere il bavaglio era solo Berlusconi.
Ma dopo una stagione di intercettazioni, che imbarazzano i Dem, promuovono e difendono la stretta che realizza i sogni di Arcore.
Così i politici cambiano opinione a seconda che al telefono ci siano gli amici od i nemici. Continua

Mi piace(2)Non mi piace(0)

Torre Eiffel, Louvre, National Gallery: anche nel resto del Mondo gli scioperi fanno chiudere i musei. Il Mondo attende, con il fiato sospeso, l’intervento di Renzi.

1) Se qualcuna/o avesse ancora dei dubbi sulla strumentalizzazione politica della sacrosanta Assemblea Sindacale dei lavoratori del Colosseo ad opera di Renzi-Franceschini, i due scassinatori dei Diritti di chi lavora, che avevano preparato da tempo l’infame Decreto Legge può leggersi questo articolo.
Se neppure questo gioverà, amen. Continua

Mi piace(2)Non mi piace(0)

Colosseo: come si costruisce una realtà di comodo ad uso e consumo del Renzismo

Sul Colosseo è stata edificata, nel breve giro di qualche ora, una monumentale fabbrica della manipolazione.
L’assemblea sindacale indetta dai custodi, convocata secondo le regole e concordata con la Soprintendenza nel rispetto delle norme, è stata trasformata in un selvaggio teatro di nullafacenze, di distruttori della buona Italia, di cattivi cittadini che pensano solo a sdraiarsi al sole.
La quantità di bugie immesse in un solo pomeriggio per costruire una realtà di comodo non ha paragoni.
Il Sindaco di Roma è riuscito a parlare di sfregio alla democrazia, il Premier di sentimento antiitaliano, il Ministro della Cultura di una disgrazia. Continua

Mi piace(3)Non mi piace(0)

Franceschini Dario e Renzi Matteo, vissuti sempre di Politica, all’assalto di chi lavora. Bravi!

1) In un Paese diverso dall’Italia del Renzismo, questa volta non vi sarebbe stata materia per discutere:
“La politica inveisce contro l’ennesimo “sciopero selvaggio”.
Un documento dimostra che, in realtà, l’assemblea era stata comunicata da una settimana e poi regolarmente autorizzata.
Ma l’equivoco alimenta l’attacco frontale alla Rappresentanza Sindacale, anche se è la Soprintendenza stessa a rivendicare la piena regolarità della riunione” [1].
Invece, complice la “grande e libera stampa”, questo Governo, illegittimo, che non attendeva altro per compiacere, per l’ennesima volta, i Padroni del Vapore, ha attaccato uno dei pochi Diritti rimasti
alle/ai lavoratrici/lavoratori: il Diritto di riunirsi in Assemblea Sindacale in orario di lavoro. Continua

Mi piace(3)Non mi piace(0)

Truffe renziane. Sta diventando insopportabile ascoltare le loro menzogne !

vignetta-frescacce-354x400
Sta diventando insopportabile ascoltare le loro menzogne.

Quando sento una buona notizia, vorrei tanto credergli e vivere più felice, ma non ci riesco. Alla fine vado a leggere i documenti ufficiali e scopro che si rivelano sempre il solito manipolo di bugiardi.
In questi giorni si dice che grazie all’attuale Governo le spese della Presidenza del Consiglio sono diminuite, costando meno ai cittadini italiani.
Nel 2014 è vero proprio il contrario. Infatti le spese sono aumentate di 140 milioni di euro rispetto al 2013! Aveva fatto meglio Letta.
Nel 2015 invece, forse per nascondere la spesa del nuovo aereo blu da 175 milioni di euro voluto dal Premier, hanno deciso di spostare il dipartimento della Protezione Civile dal bilancio di Palazzo Chigi a quello del Ministero dell’Economia e Finanze.
In questo modo 1 miliardo e 750 milioni di euro non compaiono più tra le spese (previsionali) della Presidenza del Consiglio. Ce lo spacciano per risparmio ma in realtà hanno solo spostato quei soldi al Ministero di Padoan, senza tagliare un centesimo.
Questo Governo costa tanto e in spese sempre più inutili: leggendo il bilancio di Palazzo Chigi potrete trovare 118.000 euro di spesa in piante e 250.000 euro in mobili. Giusto per dirvene un paio.
Tutti questi sprechi dimostrano che con un Governo del Movimento 5 Stelle troviamo tutti i soldi che ci servono per fare il reddito di cittadinanza e aiutare le imprese in difficoltà.
Quando ci dicono che non ci sono i soldi, basta andare a guardare il bilancio dello Stato per trovarne ovunque.

Fonte: http://www.facebook.com/luigidimaio/posts/904260346277179.

Mi piace(2)Non mi piace(0)

“Renzi nostro, che voli nei cieli, a nostre spese, mentre dicevi che saresti andato in bicicletta …”

Penso che, riguardo all’ultima bravata del Non Eletto Presidente del Consiglio, della sua mancanza del senso del ridicolo, nonché del servilismo di buona parte della “grande e libera stampa italiota”, non vi sia commento migliore e più divertente  di quello di Andrea Scanzi. Continua

Mi piace(2)Non mi piace(0)

Renzi: la discriminante è tra le “bestie” e gli “umani”. “Com’è umano lei …”.

Pur non condivendo in toto questo articolo, penso che abbia il merito di contribuire sia a squarciare la nube di retorica, che, da giorni, avvolge l’Europa, sia a mettere in luce uno degli obiettivi, che muove, in realtà, i Governanti europei: una nuova guerra “umanitaria” in Siria. ……………………………………………………………………………………………………………………………………………………………..

“In fondo, tutte le guerre post Guerra Fredda sono state in vario modo dipinte come «umanitarie». Cosa volete che sia una carneficina in più?
E se guerra sarà, la faranno con la copertura della foto del bimbo morto sulla spiaggia turca. Esattamente come ha fatto ieri l’«umano» di Rignano. Vergogna!” Continua

Mi piace(3)Non mi piace(0)